Imparare a conoscere i Cicli Naturali e scegliere di vivere ciclicamente secondo la lente dell’Interconnessione Ciclica non significa creare una nuova gabbia dentro alla quale muoverci.

La vita ciclica non deve diventare la nuova religione, non dobbiamo viverla come un insieme di rigide prescrizioni che, se non seguite alla lettera, ci portano fuori strada, ci conducono inevitabilmente all’errore o, peggio, ci portano necessariamente all’insuccesso (e qui ci sarebbe da aprire un intero capitolo sul significato di successo, ma, per ora, vi lascio con due domande: aderite all’idea sociale di successo o a quella che avete definito per voi stesse? è il successo che ricercate nella vita o è altro che dà significato alla vostra esistenza?).

I Cicli Naturali e l’Interconnessione Ciclica possono diventare una bussola per il nostro viaggio, una mappa per il nostro cammino, questo è vero.
Ma una bussola e una mappa che saranno tanto più accurate quanto più impareremo a riconoscere in quale modalità funzionano meglio nella nostra situazione soggettiva, qual è la fattura del vestito ciclico che ci sta meglio addosso, quali sono i nostri colori ciclici, quelli che vengono fuori dall’incontro tra i Cicli Naturali e la nostra irripetibile unicità.

Una bussola e una mappa che saranno tanto più accurate quanto più impareremo a metterci in ascolto di quello che ci raccontano – perché sono l’ascolto, l’osservazione e la conoscenza a creare consapevolezza, quella che serve per una vita di ri-connessione e pienezza.

Così, per fare un esempio, se anche quasi tutte le persone là fuori ci consigliano di scrivere le intenzioni per il mese in occasione della Luna Nuova, potreste accorgervi che per voi funziona meglio scriverle uno o due giorni dopo, quando la Luna torna a mostrarsi e quello spicchio di Luce vi permette di scegliere gli obiettivi con maggiore chiarezza.
O, magari, per voi basarvi sul Ciclo Lunare non funziona perché è il Ciclo Mestruale che, più degli altri, vi influenza – e allora potrebbe risultarvi più utile scrivere le intenzioni con l’arrivo della Mestruazione o verso la sua fine.

Il vivere ciclicamente seguendo l’Interconnessione Ciclica è una pratica fluida, fatta di spazio, ascolto e consapevolezza, e va presa per quello che è: una mappa in cui mondo esteriore e mondo interiore si mescolano, rendendola simile per tutte noi (perché tutte viviamo su questa Terra, sotto questo Cielo), ma unica per ognuna di noi.

Solo così possiamo diventare maestre e sovrane di noi stesse, smettendo di delegare ad altri la responsabilità della nostra vita, del nostro benessere e della nostra felicità.
Solo così possiamo fare passi verso la nostra pienezza e la nostra ri-connessione e contribuire alla co-creazione della Nuova Antica Terra.
Solo così la nostra verità profonda, la verità dell’Anima, può essere guida nelle nostre vite.

Vi va di esplorare la Ciclicità insieme?

Un abbraccio ciclico,